Creare una strategia di vendita di vendita che sia davvero adeguata alla propria attività non è davvero semplice.

Bisogna infatti tenere conto di diversi elementi prima di scegliere una strategia di vendita che sia davvero perfetta per il proprio business: tutto dipende anche dal prodotto o servizio che si chiede.

Innanzitutto: a cosa serve una strategia di vendita? Ovviamente lo scopo finale è pensato per aumentare le vendite ma non bisogna trascurare che essa mira anche ad ampliare e fidelizzare la clientela, tenendosela sempre vicina ed evitando che venga stornata dalla concorrenza.

La ‘strategia di vendita’ è l’insieme dei metodi e delle tecniche che vengono usate per poter ottenere l’acquisto del prodotto da parte del potenziale cliente: quindi, è chiaro, l’obbiettivo finale è sempre quello di vendere di più e di conseguenza di poter guadagnare. Ma non conta solamente il cosa, ma anche il come, quindi le modalità per mezzo delle quali intendete raggiungere questo obbiettivo.

Bisogna quindi pensare, per la propria attività commerciale, ad una strategia di vendita davvero adeguata che possa valorizzare in modo perfetto l’azienda, lanciare un buon messaggio alla clientela, e pubblicizzarvi in modo adeguato. Lo scopo finale della strategia di vendita è quello di migliorare la vendita e quindi il fatturato ma anche di curare al meglio l’immagine del proprio negozio nei confronti dei clienti e di quelli che possono diventarlo.

Una strategia di vendita efficace deve essere chiara, pulita e non confusionaria, integrata e ben comunicata. Ecco quali sono i passi per pianificare in modo adeguato la corretta strategia per vendere da implementare nel vostro negozio.

Come si pensa la strategia di vendita: qualche spunto

Per pensare ad una adeguata strategia di vendita bisogna cercare di capire quali sono gli obbiettivi ai quali si tende, specialmente quelli a medio-lungo termine.  Questa strategia di vendita porterà o no a raggiungere quell’obbiettivo? Se sì, in quale tempistiche?

Insomma, la chiave per adeguare la strategia di vendita è tenere sempre presente il c.d. acronimo GSOT: Goals, Strategie, Obbiettivi e Tattiche. Ma non basta: per presentare una strategia di vendita davvero adeguata è importante conoscere bene sia il prodotto che il mercato, conoscere il target, quindi i soggetti ai quali la vendita è rivolta, e non trascurare la concorrenza.

Se volete davvero diventare i migliori nel vostro campo, dovete tenere conto di tutti questi elementi, tutti assieme, come schema di riferimento per poter impostare l’adeguata strategia. Dovete pianificare i vostri obbiettivi – in termini di vendite, ma anche di customer retention, nuovi clienti raggiunti e marketing – a breve, medio e lungo termine e tenere costantemente monitorati questi parametri per capire quando e come è meglio correggere il tiro e quando si può proseguire.

Cosa imparare dalla concorrenza e per quale motivo

Perché guardare alla concorrenza? Ogni settore è più o meno competitivo e muoversi senza guardare alla concorrenza è un errore imperdonabile che può costarvi caro.

Dovete rafforzare la vostra capacità di comprendere il mercato di riferimento e per farlo dovete anche studiare la concorrenza, le tecniche che usano, i costi, i prezzi, i servizi, la clientela, e via dicendo.

Essere ciechi rispetto alla concorrenza è un grandissimo svantaggio.

Controllare la concorrenza vi permette di evidenziare i c.d. SWOT, cioè i punti di forza, di debolezza della vostra azienda, le opportunità e le minacce al business ed anche questo è fondamentale per impostare una strategia di vendita che sia davvero utile.

Guardate sia agli esempi positivi che arrivano dalla concorrenza, sia agli esempi negativi per capire quali sono i comportamenti da cui prendere spunto e quelli che invece bisogna evitare.